News

L’ictus può causare sintomi completamente diversi in tutti “”, afferma il dott

L’ictus può causare sintomi completamente diversi in tutti “”, afferma il dott

Di Ashley Welch, 24 marzo 2021

Le donne nere e ispaniche hanno un rischio maggiore di ictus grave rispetto alle donne bianche

Anche dopo aver tenuto conto della gravità dell’ictus, del tipo, dell’età e delle condizioni mediche croniche, le donne nere e ispaniche più anziane che sopravvivono a un ictus hanno meno probabilità. . .

Di Lisa Rapaport, 23 marzo 2021

I neri americani hanno i più alti tassi di mortalità a lungo termine per ictus nella nazione, secondo uno studio

Per capire perché, i ricercatori devono guardare oltre l’assistenza sanitaria.

Di Kaitlin Sullivan, 23 marzo 2021

Dieta a base vegetale legata a ridurre il rischio di ictus, ma solo se ci si attiene a cibi sani

Tagliare la carne dalla tua dieta non ti renderà necessariamente meno probabile che tu abbia un ictus se i tuoi pasti vegetariani di solito includono bevande zuccherate, pane bianco. . .

Di Lisa Rapaport, 19 marzo 2021

Molti sopravvissuti a ictus ispanici americani non ricevono cure per prevenire gli ictus ripetuti

La maggior parte dei sopravvissuti all’ictus ispanico americano sa quando hanno fattori di rischio come ipertensione, colesterolo elevato o diabete di tipo 2 che lo causano. . .

Di Lisa Rapaport, 10 marzo 2021

Telemedicina per la cura e la riabilitazione dell’ictus

Mentre la pandemia COVID-19 ha aumentato l’uso della telemedicina nella cura dell’ictus, una versione di essa, nota come telestroke, esiste da decenni.

Di Kaitlin Sullivan, 17 novembre 2020

Colpo di calore contro esaurimento da calore: qual è la differenza?

Entrambe le malattie legate al calore richiedono un trattamento immediato, ma hanno un impatto sul corpo in modi diversi.

Di Kaitlin Sullivan, 19 agosto 2020

Afasia durante la pandemia di coronavirus

Cosa succede al recupero della parola e del linguaggio durante la crisi COVID-19?

Di Jordan M. Davidson, 30 giugno 2020

7 celebrità che hanno sofferto di afasia

Alcuni volti famosi hanno subito un’improvvisa perdita di capacità linguistiche. Scopri come queste celebrità si sono fatte strada attraverso l’afasia.

Di Jordan M. Davidson, 25 giugno 2020 “

Se hai avuto un ictus, probabilmente hai dubbi su ciò che ti aspetta nelle settimane e nei mesi di recupero dell’ictus. Potresti avere un periodo di tempo limitato con il tuo medico per ottenere tutte le informazioni sul recupero dell’ictus di cui hai bisogno.

“Cerchiamo sempre di capire cosa ha causato l’ictus, ma non sono sicuro che quando i pazienti sono in ospedale sentano tutto ciò che i loro medici dicono o lo capiscono”, osserva Argye Beth Hillis, MD, professore di neurologia, vicepresidente esecutivo di il dipartimento di neurologia e co-direttore della divisione cerebrovascolare presso la Johns Hopkins University School of Medicine, a Baltimora.

Il dottor Hillis consiglia di fare domande fino a quando non avrai compreso completamente cosa è successo con il tuo ictus e cosa dovresti fare per prenderti cura di te stesso. Potresti voler usare un registratore o portare con te un amico fidato o un familiare quando parli con il tuo medico: entrambi possono aiutarti a ricordare le informazioni chiave.

Usa questo elenco di domande per guidarti nella conversazione con il tuo medico:

Domande da porre sul recupero da ictus

Cosa ha causato il mio ictus? Il tuo medico probabilmente ti darà una spiegazione tecnica del motivo per cui hai avuto un ictus, ma devi anche sapere se qualche fattore prevenibile ha contribuito al tuo ictus. Una volta che hai queste informazioni, puoi lavorare per ridurre il rischio di avere un altro ictus. Fumo, ipertensione, malattie cardiache, sovrappeso, stress, bere molto alcol e essere fisicamente inattivi possono contribuire al rischio di ictus. Cosa posso fare per ridurre il mio rischio? Ci sono molti passaggi che puoi fare dopo il tuo primo ictus per ridurre il rischio di un secondo ictus, tra cui cambiare la tua dieta, assumere farmaci per l’ictus e fare più esercizio. Cerca di stabilire alcuni obiettivi concreti con il tuo medico in modo da sapere se ci stai riuscendo. Sto ricevendo i servizi di riabilitazione di cui ho bisogno per raggiungere i miei obiettivi? Se ritieni di aver bisogno di assistenza specifica dopo l’ictus, ma non hai ricevuto aiuto con preoccupazioni personalizzate relative alla dieta o al linguaggio, ad esempio, parla con il tuo medico per indirizzarti allo specialista appropriato. Quali sono le mie opzioni di trattamento? A seconda della causa alla base del tuo ictus, potresti trarre beneficio dall’assunzione di determinati farmaci o persino da procedure chirurgiche speciali per ridurre il rischio di un altro ictus. Chiedi al tuo medico quali opzioni specifiche di trattamento per l’ictus sono disponibili per te. Che tipo di specialisti della salute faranno parte del mio team di recupero dall’ictus? Il tuo team di recupero dall’ictus potrebbe includere un neurologo, un logopedista, un fisioterapista, un terapista occupazionale, un assistente sociale, uno psicologo, un nutrizionista e altri operatori sanitari. Prova a ottenere un elenco di nomi e informazioni di contatto a cui puoi fare riferimento in seguito. Dovrei ricevere un trattamento per la depressione? La depressione è molto comune dopo l’ictus, ma molti sopravvissuti all’ictus non ricevono aiuto per questa condizione curabile. La depressione può renderti difficile tornare al lavoro e impegnarti in altre attività quotidiane che una volta ti piacevano. Se ti senti giù, non aver paura di dirlo al tuo medico. Il trattamento per la depressione può essere fondamentale per il recupero generale dell’ictus. Che tipo di modifiche posso apportare per compensare le conseguenze del mio ictus? Ognuno ha sfide diverse dopo un ictus. Parte del tuo recupero dall’ictus sarà trovare modi creativi per compensare le abilità che stai cercando di riapprendere. Ad esempio, se hai problemi a parlare chiaramente, potresti portare con te un quaderno di frasi e immagini di uso comune che puoi indicare per aiutare gli altri a capirti. Che ruolo gioca la mia famiglia nel recupero dall’ictus? La famiglia e gli amici svolgono un ruolo importante nell’aiutare il tuo team medico a comprendere i tuoi punti di forza e i tuoi limiti. Scopri come coinvolgerli più attivamente nel recupero dell’ictus. Dovrei ricevere aiuto da un centro di recupero dall’ictus o da un programma di supporto per l’ictus? Il recupero da un ictus è un processo che dura tutta la vita. Centri di recupero dall’ictus e gruppi di supporto basati sulla comunità ti consentono di lavorare sul recupero dell’ictus dopo che sei stato ufficialmente dimesso dal tuo programma di trattamento. Quando dovrei chiamare il mio medico? Preoccuparsi di possibili complicazioni legate all’ictus o del rischio di un altro ictus è normale: scopri quali cambiamenti richiedono una chiamata dal medico.

Una volta raccolte le informazioni di cui hai bisogno sul tuo piano di recupero dall’ictus, ti sentirai più sicuro e in grado di andare avanti sulla tua strada verso il benessere.

Iscriviti alla nostra Newsletter sulla salute del cuore!

L’ultima novità in fatto di corsa

I sopravvissuti a ictus hanno un rischio maggiore di suicidio

Le persone che sopravvivono a un ictus hanno più del doppio delle probabilità di tentare il suicidio e hanno anche molte più probabilità di morire per suicidio rispetto alle persone che. . .

Di Lisa Rapaport, 31 marzo 2021

Le unità mobili per l’ictus portano a cure più rapide, meno disabilità tra i pazienti con ictus

Un nuovo studio ha rilevato che più della metà dei pazienti con ictus trattati da un’unità mobile per l’ictus ha avuto un recupero completo dopo tre mesi, rispetto a 43.. .

Di Ashley Welch, 24 marzo 2021

Le donne nere e ispaniche hanno un rischio maggiore di ictus grave rispetto alle donne bianche

Anche dopo aver tenuto conto della gravità dell’ictus, del tipo, dell’età e delle condizioni mediche croniche, le donne nere e ispaniche più anziane che sopravvivono a un ictus hanno meno probabilità. . .

Di Lisa Rapaport, 23 marzo 2021

I neri americani hanno i più alti tassi di mortalità a lungo termine per ictus nella nazione, secondo uno studio

Per capire perché, i ricercatori devono guardare oltre l’assistenza sanitaria.

Di Kaitlin Sullivan, 23 marzo 2021

Dieta a base vegetale legata a ridurre il rischio di ictus, ma solo se ci si attiene a cibi sani

Tagliare la carne dalla tua dieta non ti renderà necessariamente meno probabile che tu abbia un ictus se i tuoi pasti vegetariani di solito includono bevande zuccherate, pane bianco. . .

Di Lisa Rapaport, 19 marzo 2021

Molti sopravvissuti a ictus ispanici americani non ricevono cure per prevenire gli ictus ripetuti

La maggior parte dei sopravvissuti all’ictus ispanico americano sa quando hanno fattori di rischio come ipertensione, colesterolo elevato o diabete di tipo 2 che lo causano. . .

Di Lisa Rapaport, 10 marzo 2021

Telemedicina per la cura e la riabilitazione dell’ictus

Mentre la pandemia COVID-19 ha aumentato l’uso della telemedicina nella cura dell’ictus, una versione di essa, nota come telestroke, esiste da decenni.

Di Kaitlin Sullivan, 17 novembre 2020

Colpo di calore contro esaurimento da calore: qual è la differenza?

Entrambe le malattie legate al calore richiedono un trattamento immediato, ma hanno un impatto sul corpo in modi diversi.

Di Kaitlin Sullivan, 19 agosto 2020

Afasia durante la pandemia di coronavirus

Cosa succede al recupero della parola e del linguaggio durante la crisi COVID-19?

Di Jordan M. Davidson, 30 giugno 2020

7 celebrità che hanno sofferto di afasia

Alcuni volti famosi hanno subito un’improvvisa perdita di capacità linguistiche. Scopri come queste celebrità si sono fatte strada attraverso l’afasia.

Di Jordan M. Davidson, 25 giugno 2020 “

Il singhiozzo non è un grosso problema, a meno che il tuo singhiozzo non sia accompagnato da altri strani sintomi, come l’incapacità di muovere un intero lato del https://harmoniqhealth.com/it/suganorm/ tuo corpo o fare in modo che la tua bocca formi le parole che vuoi dire. Potresti non sapere che tutti questi sintomi insieme possono segnalare l’ictus nelle donne.

Più di 425.000 donne subiranno un ictus quest’anno, rispetto ai 375.000 uomini. Il doppio delle donne muoiono ogni anno per ictus rispetto al cancro al seno. Allora perché le donne non sono più consapevoli dei segni dell’ictus? È ora di essere istruiti.

Sintomi di ictus: donne contro uomini

È difficile prevedere i segni di ictus nelle donne o negli uomini, afferma Carolyn Brockington, MD, assistente professore di neurologia clinica e direttore dello Stroke Center presso l’Istituto di Neurologia e Neurochirurgia del St. Luke’s-Roosevelt Hospital di New York City. Più di ogni differenza tra i sessi, l’imprevedibilità deriva dal non sapere mai quale parte del cervello verrà colpita, spiega. L’ictus si verifica quando l’afflusso di sangue viene interrotto a una parte del cervello, da un coagulo di sangue (ictus ischemico) o da un’emorragia improvvisa nel cervello (ictus emorragico). I sintomi causati dall’ictus dipenderanno da dove nel cervello si verifica l’ictus.

L’ictus può causare sintomi completamente diversi in tutti “, dice la dottoressa Brockington. Quindi, aggiunge, non puoi semplicemente generalizzare e dire che tutti sperimenteranno debolezza.

La maggior parte dei sintomi di ictus non sono raggruppati per sesso. “Non è tanto che i sintomi siano diversi, è che sono meno riconosciuti nelle donne”, dice Brockington. Le donne non tendono a pensare che accadrà loro un ictus – possono spazzare via debolezza o confusione perché pensano che un ictus accada solo ad altre persone – uomini, persone anziane o persone in cattive condizioni di salute. Il fatto è che l’ictus può capitare a chiunque, a qualsiasi età.

Ottenere specifici: sintomi di ictus nelle donne

I segni di ictus nelle donne possono variare ampiamente. Il momento di essere più preoccupati, dice Brockington, è quando i sintomi si manifestano all’improvviso e sono gravi o insoliti. Ad esempio, il mal di testa è comune, ma se soffri di un mal di testa che colpisce gravemente e improvvisamente senza una causa nota e si sente diverso da qualsiasi altro mal di testa che tu abbia mai avuto, quel mal di testa potrebbe essere un segnale di avvertimento di ictus.

Altri possibili sintomi di ictus che le donne possono sperimentare includono:

Dolore che colpisce gli arti o il viso Sentirsi debole o incapace di muoversi solo su un lato del corpo Sentirsi confuso Non essere in grado di parlare o comunicare chiaramente Singhiozzo Sensazione di vertigini e perdita dell’equilibrio Problemi di deambulazione Problemi con la vista, inclusa visione offuscata o doppia vista

È anche comune che si verifichi un ictus insieme a un infarto, dice Brockington, che può causare ancora più sintomi. I sintomi che possono segnalare un attacco di cuore e che possono anche essere più specifici per le donne sono:

Sensazione di fiato corto Sensazione di nausea Avere pressione o dolore al torace Battito cardiaco accelerato o irregolare o palpitazioni

Uno dei motivi di una certa confusione sui sintomi dell’ictus è che spesso sono vaghi. Il punto è preoccuparsi per qualsiasi sintomo che si manifesti all’improvviso, sottolinea Brockington. “È meglio prevenire che curare quando si ha a che fare con il cervello perché il cervello ha un’enorme capacità di recupero”, dice, purché il trattamento avvenga rapidamente. Se il cervello viene privato del flusso sanguigno per troppo tempo, “non si rigenera”, dice. “È irreversibilmente ferito.”

Iscriviti alla nostra Newsletter sulla salute del cuore!

L’ultima novità in fatto di corsa

I sopravvissuti a ictus hanno un rischio maggiore di suicidio

Le persone che sopravvivono a un ictus hanno più del doppio delle probabilità di tentare il suicidio e hanno anche molte più probabilità di morire per suicidio rispetto alle persone che. . .

Di Lisa Rapaport, 31 marzo 2021

Le unità mobili per l’ictus portano a cure più rapide, meno disabilità tra i pazienti con ictus

Un nuovo studio ha rilevato che più della metà dei pazienti con ictus trattati da un’unità mobile per l’ictus ha avuto un recupero completo dopo tre mesi, rispetto a 43.. .

Di Ashley Welch, 24 marzo 2021

Le donne nere e ispaniche hanno un rischio maggiore di ictus grave rispetto alle donne bianche

Anche dopo aver tenuto conto della gravità dell’ictus, del tipo, dell’età e delle condizioni mediche croniche, le donne nere e ispaniche più anziane che sopravvivono a un ictus hanno meno probabilità. . .

Di Lisa Rapaport, 23 marzo 2021

I neri americani hanno i più alti tassi di mortalità a lungo termine per ictus nella nazione, secondo uno studio

Per capire perché, i ricercatori devono guardare oltre l’assistenza sanitaria.

Di Kaitlin Sullivan, 23 marzo 2021

Dieta a base vegetale legata a ridurre il rischio di ictus, ma solo se ci si attiene a cibi sani

Tagliare la carne dalla tua dieta non ti renderà necessariamente meno probabile che tu abbia un ictus se i tuoi pasti vegetariani di solito includono bevande zuccherate, pane bianco. . .

Di Lisa Rapaport, 19 marzo 2021

Molti sopravvissuti a ictus ispanici americani non ricevono cure per prevenire gli ictus ripetuti

La maggior parte dei sopravvissuti all’ictus ispanico americano sa quando hanno fattori di rischio come ipertensione, colesterolo elevato o diabete di tipo 2 che lo causano. . .

Di Lisa Rapaport, 10 marzo 2021

Telemedicina per la cura e la riabilitazione dell’ictus

Mentre la pandemia COVID-19 ha aumentato l’uso della telemedicina nella cura dell’ictus, una versione di essa, nota come telestroke, esiste da decenni.

Di Kaitlin Sullivan, 17 novembre 2020

Colpo di calore contro esaurimento da calore: qual è la differenza?

Entrambe le malattie legate al calore richiedono un trattamento immediato, ma hanno un impatto sul corpo in modi diversi.

Di Kaitlin Sullivan, 19 agosto 2020

Afasia durante la pandemia di coronavirus

Cosa succede al recupero della parola e del linguaggio durante la crisi COVID-19?

Di Jordan M. Davidson, 30 giugno 2020

7 celebrità che hanno sofferto di afasia

Alcuni volti famosi hanno subito un’improvvisa perdita di capacità linguistiche. Scopri come queste celebrità si sono fatte strada attraverso l’afasia.

Di Jordan M. Davidson, 25 giugno 2020 “

Iscriviti alla nostra Newsletter sulla salute del cuore!

L’ultima novità in fatto di corsa

I sopravvissuti a ictus hanno un rischio maggiore di suicidio

Le persone che sopravvivono a un ictus hanno più del doppio delle probabilità di tentare il suicidio e hanno anche molte più probabilità di morire per suicidio rispetto alle persone che. . .

Di Lisa Rapaport, 31 marzo 2021

Le unità mobili per l’ictus portano a cure più rapide, meno disabilità tra i pazienti con ictus

Un nuovo studio ha rilevato che più della metà dei pazienti con ictus trattati da un’unità mobile per l’ictus ha avuto un recupero completo dopo tre mesi, rispetto a 43.. .

SpanishEnglishFrenchRussian